Piante officinali – Aglio

Piante officinali – Aglio

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

L’aglio non è proprio una delle mie piante medicinali preferiti per il suo odore e sapore, ma dovete sapere che l’aglio, cosi come la cipolla e tutte la famiglia delle Agliacee, rilascia il suo odore e sapore solo nel momento in cui viene tagliato.

pexels-photo-928251
Photo by Isabella Mendes on Pexels.com

E’ un meccanismo di difesa attuato da queste piante per difendersi; quando l’aglio viene tagliato si attiva l’allicina, responsabile del rilascio di questo forte sapore tipico dell’aglio, se invece scaldiamo l’aglio senza tagliarlo, gli enzimi si disattivano e si può ottenere una buona crema d’aglio dolce.

Però è proprio l’allicina il principio attivo dell’aglio che spesso viene usato come espettorante e fluidificante del muco in caso di raffreddore o influenza;                                inoltre è un ottimo antibatterico, antivirale e antitumorale;                                                abbassa il livello di colesterolo cattivo e di zucchero nel sangue  e possiede anche una azione anticoagulante e  ipotensiva. L’aglio conferisce a pelle e capelli un aspetto sano e può favorire la crescita della chioma.

Questi effetti si ottengono mangiando circa 6 grammi di aglio fresco o 15 mg di estratto secco. L’aglio può irritare notevolmente stomaco e intestino, quindi si consiglia di assumere la dose raccomandata nell’arco delle 24 ore.

Di contro, l’aglio, come già detto,può far insorgere l’iperacidità gastrica, interferire con medicinali come gli anticoagulanti ed è sconsigliato nelle donne che allattano in quanto modifica il sapore del latte materno

 

pexels-photo-216574
Photo by icon0.com on Pexels.com
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *